Chiara Veronese

Strumento:

Corso:

  • Canto
  • BAC

NOME: Chiara Veronese 
CITTA’: Bolzano 
CORSO: Canto BAC 
ANNO DI NASCITA: 1996 
 
DA QUANTO TEMPO CANTI? 
Canto da quando sono piccola; alle scuole elementari frequentavo un coro, poi ho cominciato a prendere lezioni individuali di canto e dopo la maturità mi sono iscritta al CPM per avere una formazione professionale universitaria. 
 
PERCHE’ HAI INIZIATO? 

Già da piccolina ho sempre amato esprimermi con il canto e lo sento come una necessità, un momento di piena libertà, di autenticità. Cantare e ascoltare musica mi fanno stare bene e sono per me un modo di esprimermi. 
 
HAI SEGUITO LE ORME DI QUALCUNO? CHI TI HA ISPIRATO? 
I miei genitori mi hanno cresciuto a pane e musica; in casa si ascoltavano tanti dischi e mi sono appassionata ben presto anche io. Sicuramente da piccola mi ha ispirato molto lo Zecchino D’Oro, trasmissione televisiva di cui non perdevo nemmeno una puntata e di cui sapevo ogni testo a memoria, da ripetere in cameretta cantando a squarciagola. 
 
TI RICORDI IL GIORNO IN CUI HA DECISO CHE AVRESTI VOLUTO FARE LA MUSICISTA?  
É stata una scelta maturata negli anni del liceo, in cui ho capito che la musica significava per me qualcosa di più di una semplice passione. 
 
SCRIVI TESTI E/O MUSICA? 
Scrivo soprattutto testi, ma anche qualche melodia (per esempio di Milano Sta Sveglia ho scritto tutto io). 
 
QUANTO LAVORATE SULLA SCRITTURA? BUONA LA PRIMA O CI SONO DUBBI E STEP SUCCESSIVI? 
Di solito annoto di getto ciò che mi balza in mente sulle note del cellulare o su un foglio; a volte sono parole, altre volte delle frasi, oppure un’intera strofa o un ritornello: mano a mano assemblo tutto insieme ed esce la canzone. Di solito parto dal testo per poi musicarlo. 
Una volta scritto il brano, lo metto da parte per qualche giorno e poi lo riascolto a mente e orecchie fredde, effettuando poi delle eventuali modifiche. Raramente è buona la prima! 
 
HAI FREQUENTATO ALTRE SCUOLE DI MUSICA? 
Si, prima del CPM frequentavo l’Istituto Musicale Vivaldi a Bolzano e ho preso delle lezioni in scuole private. 
 
PERCHE’ TI SEI ISCRITTO AL CPM? 
Mi sono iscritta al CPM perché desideravo affrontare un percorso triennale di formazione musicale, approfondendo aspetti che non avevo mai considerato bene prima (ear training, pianoforte, scrittura ecc). Volevo inoltrare provare l’esperienza di vivere in una città stimolante come Milano, ricca di eventi musicali e di opportunità. 
 
QUANTO HAI IMPIEGATO A CONVINCERTI SU QUESTA SCUOLA? 
Ci ho impiegato qualche mese, perché ho valutato diverse opzioni in varie città italiane, per poi decidere su Milano e sul CPM. 
 
COS’HAI TROVATO AL CPM? 
Ho trovato un ambiente familiare e molto accogliente, a misura di studente. 
Ho trovato docenti professionali con anni di esperienza alle spalle. 
Ho trovato nuovi stimoli per crescere musicalmente. 
Ho trovato degli amici. 

STUDI QUALCHE ALTRO STRUMENTO? 
Al CPM ho avuto modo di approcciarmi per la prima volta al pianoforte. Ora voglio migliorarmi e continuare con lo studio dello strumento. 
 
FREQUENTI IL CPM TUTTI I GIORNI? 
Ho frequentato il CPM tutti i giorni per tre anni; ora, che sono prossima alla laurea in Bachelor e ho terminato le lezioni, frequento un pò meno, ma resta comunque un punto di riferimento. 
 
VIVI A MILANO? 
Si. 
 
3 CANTANTI O GRUPPI PREFERITI 
Bruce Springsteen: amo la sua presenza sul palco, la forza comunicativa dei suoi testi e delle sue melodie, la sua grinta coinvolgente. 
 
Lucio Dalla: divertente e divertito, poetico e rivoluzionario, innovatore e attaccato alle sue radici. Amo il suo equilibrio tra sogno e realtà, la magia delle sue storie, la sua delicatezza, ma anche la sua sfrontatezza, il potere delle sue parole. 
 
Pink Floyd: quando li ascolto volo su Iperuranio e torno indietro. Un’esperienza mistica. 
 
HAI PARTECIPATO A DEI CONCORSI MUSICALI? 
Si, a numerosi concorsi e ne ho anche vinti alcuni, in Lombardia, Veneto, Trentino, Emilia Romagna; sono sempre bellissime soddisfazioni personali, che mi permettono di crescere musicalmente, di viaggiare, di stringere amicizie e collaborazioni, di farmi ascoltare. 
 
IN QUALE EPOCA MUSICALE VORRESTI VIVERE? 
Mi vedrei negli anni 70 e 80, un periodo estremamente fiorente per il cantautorato e per la musica mondiale, non solo italiana. 
 
SE POTESSI FAR TORNARE IN VITA UN ARTISTA CHI SCEGLIERESTI? 
Senza dubbio Lucio Dalla, che il destino ci ha portato via troppo presto e al quale avrei voluto fare tantissime domande, per esempio inerenti alla mia tesi sull’Emilia che presenterò proprio sul palco del CPM tra qualche mese. 
Lucio avrebbe avuto ancora tantissime poesie da regalarci, ma intanto mi “accontento” di godere appieno di tutta la sua discografia e di farne tesoro. 
 
CANTANTI CHE TI HANNO SEMPRE ISPIRATO? 
I miei ispiratori più grandi sono senza dubbio i cantautori che hanno fatto la storia della canzone italiana che hanno fatto la storia: Dalla, Guccini, De Gregori, De Andrè, Venditti, Battiato, Baglioni, Battisti, Modugno 
A livello artistico e vocale sono molto ispirata anche da Elisa, forte e allo stesso tempo delicata. 
Non posso non citare “la Voce”, ossia Mina, che mi da sempre tantissima carica ascoltare, soprattutto prima di salire sul palco. 
 
L’ULTIMO CANTANTE RECENTE CHE TI HA COLPITO 

Da un paio di anni ascolto tantissimo cantautorato indie italiano e mi hanno colpito soprattutto gli Zen Circus, Brunori Sas, Motta, Calcutta e Giorgio Poi. 
Una bellissima sorpresa anche la crescita di Mahmood, che mi piace tantissimo. 

PROFILO INSTAGRAMhttps://www.instagram.com/chiara.veronesemusic/ 
"MILANO STA SVEGLIA": https://youtu.be/rT7f9kXhQTA 

Cosa ho studiato

Ho studiato con

Ruota il dispositivo per poter visualizzare il contenuto