Luca "Menni" Menini

Strumento:

Corso:

  • Canto
  • BAC

NOME: Luca Menini, in arte Menni
CITTA': Gambellara (VI)
CORSO: Canto BAC 
ANNO DI NASCITA: 1995

CI PARLI DI TE? COME HAI DECISO CHE AVRESTI FATTO IL MUSICISTA?
Inizialmente, all’età di 6 anni, ho approcciato lo studio del pianoforte.
Ci sono entrato subito in conflitto, sia con lo strumento che con il professore, cosi sono tornato presto a giocare con le figurine e a stare in panchina nelle partite di calcio.
Poi, durante l’adolescenza, la musica si è ripresentata sotto la forma del rock n’ roll e dei suoi evangelisti capelloni facendomi decidere, sfidando la famiglia e la morale del paese, di farmi crescere i capelli, vestirmi di pelle e di cominciare a suonare la chitarra (elettrica).
Questa attitudine mi ha contemporaneamente procurato diversi casini e salvato la vita.
Ho cambiato molti gruppi e molte scuole superiori, tenendo però, non ho ancora capito bene come, salda l’idea che la musica mi avrebbe aiutato a scoprire quello che, con quella ricerca maldestra e disorganizzata, avevo la volontà di capire: io chi sono?
Da allora la domanda è sempre la stessa, diverse sono le modalità.
Ho tagliato i capelli, indossato un vestito e una cravatta (sempre di una ribellione si tratta).
La chitarra è diventata quella acustica a cui si è aggiunta nuovamente la figura del pianoforte (in realtà a suo tempo mi ero innamorato) e i quaderni sono diventati quel posto dove le parole delineano i pensieri, a volte precisi altre confusi, che faccio.
La voce è stata una scoperta tarda e maleducata.
Sto ancora provando a civilizzarmi da questo punto di vista ed iscrivermi al CPM in un corso di canto è stato forse l’azzardo più grande che la mia fantasia abbia fatto.
Sono contento però di farlo in questa struttura con queste persone.
La ricerca, per quanto mi riguarda, richiede tempi, metodi e disciplina e quale posto migliore di una scuola, una scuola vera che considera questa ricerca, la aiuta e la promuove?.
Sento di essere nel luogo giusto per questo momento della mia vita, e non è scontato, sono poche le volte che ho provato questa sensazione.

3 CANTANTI O GRUPPI PREFERITI:
Non so se purtroppo o per fortuna, ma ora sono un ascoltatore mediocre. Ascolto poche cose e sempre quelle.
Ultimamente sto scoprendo e apprezzando Nick Cave.

IN QUALE EPOCA MUSICALE VORRESTI VIVERE?
L’epoca musicale che preferisco è quella che dà spazio e che lascia esprimere chi ha voglia di farlo.
Forse mai come adesso tutto si può fare e la sfida di cercare il proprio mondo e di portarlo agli occhi e alle orecchie delle persone è ancora più interessante e stimolante.
Credo che questa epoca musicale, in opposizione ai riferimenti che ho di quelle precedenti, mi aiuti per contrari. 
Posso cioè valutare più facilmente ciò che non vorrei essere e questa sensazione mi espone e mi aiuta nella ricerca.

SE POTESSI FAR TORNARE IN VITA UN ARTISTA CHI SCEGLIERESTI?
Leonard Cohen


INSTAGRAM https://www.instagram.com/igiornipari/
PAGINA FACEBOOK https://www.facebook.com/lmenni/

 

Luca "Menni" ha fatto notizia

La Buona Novella: diretta streaming

Martedì 6 Aprile alle ore 21 il fondatore e Presidente della nostra scuola di Musica Franco Mussida sarà tra i protagonisti di una diretta streaming, organizzata dall’Associazione Newman, dedicata a “La Buona Novella”, quarto album di inediti, il più religioso, di Fabrizio De André, che quest’anno ha compiuto 50 anni.
Con Franco Mussida, che come componente de I Quelli ne ha registrato le chitarre, partecipano Don Carlo Maria Scaciga, sacerdote della diocesi di Novara che ha fatto conoscere i Vangeli Apocrifi a De Andrè, e Massimo Bernardini, critico musicale e autore e conduttore televisivo. A condurre l’incontro il giornalista Roberto Copello.

Durante la diretta streaming verranno trasmessi i video di 3 brani registrati qui in CPM e che vedono protagonisti oltre 15 nostri allievi tra musicisti e cantanti.
Nello specifico i brani sono:

Il ritorno di Giuseppe” e “Il sogno di Maria”: Alessandro Spoldi e Daniele Tromby (tastiere), Giordano Giorgi (batteria), Vittorio Romano (basso), Antonio Cirigliano (chitarra acustica e classica), Giuseppe Lai (chitarra elettrica e chitarra acustica) e Federica Pellegrinelli (chitarra acustica), Paolo Chiocci (voce).

Il testamento di Tito”: Alessandro Spoldi e Daniele Tromby (tastiere), Giordano Giorgi (batteria), Vittorio Romano (basso), Antonio Cirigliano (chitarra acustica), Giuseppe Lai (chitarra elettrica), Paolo Chiocci, Elisa Trovato, Edoardo Buoso, Giulia Alborghetti, Letizia Lentini, Luca Parravicini, Pietro Bombardelli, Alessio Zariati, Luca Menini (voci).

Inoltre, sono stati coinvolti i docenti Fabio Ingrosso, che ne ha curato la regia, e Giuliano Lecis, nel ruolo di Direttore musicale.
La parte audio è stata curata, oltre che dallo staff CPM, da Filippo Magnabosco (diplomato Pro Audio Engineer), Mattia Marangi, Stefano Pergher, Valentina Panzeri, Niccolò Conti, Giovanni Donà, Daniele Ramundi (Pro Audio Engineer). 

La diretta verrà trasmessa sul canale YouTube dell’Associazione Newman, raggiungibile a questo link: https://youtu.be/Bqwxctb2u3s  

Cosa ho studiato

Ho studiato con

Ruota il dispositivo per poter visualizzare il contenuto