Gabriel Bagini

Strumento:

Corso:

  • Chitarra
  • AFAM

NOME: Gabriel Bagini 
CITTA': Sedriano (Mi)
ANNO DI NASCITA: 1999
CORSO: AFAM 3 Chitarra Pop Rock

BEST SOLO PERFORMANCE 2021
Chitarra Elettrica
 "Ballerina 12/24" di Steve Vai

DA QUANTO TEMPO SUONI e CANTI? 
Suono la chitarra da quando avevo nove anni, quindi sono già 13 anni.

TI RICORDI IL GIORNO IN CUI HAI DECISO CHE AVRESTI VOLUTO FARE MUSICA?
Non ho un giorno preciso in cui è iniziato tutto, ricordo solo la passione che ci mettevo nel suonare la chitarra già da piccolo e quanto mi emozionasse ascoltare la musica. Questo ricordo mi farebbe rispondere che inconsciamente ho voluto fare musica da sempre.
 
CHI TI HA ISPIRATO?
Il primo gruppo al quale mi sono appassionato sono stati indubbiamente i Metallica.

HAI FREQUENTATO ALTRE SCUOLA DI MUSICA?
Ho studiato chitarra elettrica a “La Mia Nuova Scuola Di Musica” di Bareggio finché non sono entrato in CPM dopo la maturità.

COME MAI HAI SCELTO IL CPM?
Volevo continuare il percorso di studi musicali all’università e il mio insegnante di musica del tempo, che si era diplomato al CPM, mi ha consigliato di andare all’Open Day di maggio. Sono rimasto entusiasta dell’ambiente e della presentazione in teatro, così a settembre ho fatto il test per essere ammesso al percorso AFAM.

STUDI QUALCHE ALTRO STRUMENTO?
Oltre alla chitarra suono l’ukulele, il basso, il piano e la kalimba.

IN QUALE EPOCA MUSICALE VORRESTI VIVERE?
In realtà sono abbastanza contento dell’epoca in cui vivo dal momento che ci sono moltissime correnti musicali diverse da poter ascoltare e tanta voglia di sperimentare da parte degli artisti. Soprattutto, la fruibilità della musica oggi è a un livello altissimo e chiunque può ascoltare qualsiasi canzone o brano che sia mai stato inciso. Oggi abbiamo la fortuna di poter ascoltare dalle sinfonie di Beethoven all’ultimo singolo del nostro artista preferito con un click. Spesso ce lo dimentichiamo, ma raggiungere la musica non è sempre stato così semplice e alla portata di tutti, e la trovo una cosa grandiosa.

SE POTESSI FAR TORNARE IN VITA UN ARTISTA CHI SCEGLIERESTI?
Ricordo che rimasi molto colpito dalla notizia della scomparsa di Eddie Van Halen perché è stato uno dei chitarristi che più mi ha ispirato e formato. Forse però risponderei Chester Bennington perché, oltre ad essersene andato via troppo presto, ho sempre il rammarico di non essere riuscito a vedere i Linkin Park in concerto. 

3 CANTANTI O GRUPPI PREFERITI
Dovendo scegliere solo tre nomi dico: i Metallica perché sono stati il primo gruppo che mi ha avvicinato alla musica e mi ha fatto appassionare al suono della chitarra elettrica; Caparezza perché apprezzo moltissimo il suo modo di scrivere i testi a dir poco geniale e anche la sua voglia di sperimentare con la musica crescendo album dopo album; infine direi i Pinguini Tattici Nucleari perché sono una bella realtà italiana composta da ottimi musicisti. Adoro l’ironia dei loro testi e gli arrangiamenti curati nei minimi dettagli, ho letteralmente consumato i loro primi tre dischi durante l’adolescenza.

HAI UNA BAND O SUONI DA SOLO?
Suono in un progetto rap chiamato Sheffer nel quale accompagno il mio migliore amico. Mi occupo della composizione e l’arrangiamento della musica e talvolta anche dei testi. Non vedo l’ora di poter tornare a suonare dal vivo e divertirmi suonando la nostra musica.

DOVE TI PIACE ASCOLTARE MUSICA?
Mi piace ascoltare la musica in camera mia sullo stereo, possibilmente da CD. Ultimamente però apprezzo molto ascoltare la musica in macchina, mi tiene compagnia durante i viaggi per venire in CPM ed ho il tempo per ascoltare dischi e gruppi sempre nuovi.

PREFERISCI LAVORARE IN STUDIO O ESIBIRTI SU UN PALCO?
Tutta la vita esibirmi su un palco. Sono una persona abbastanza schiva e introversa, ma appena salgo su un palco per suonare è come se mi sbloccassi e diventassi un’altra persona. Non c’è niente che mi rende felice come suonare ai concerti.

PARLACI UN PO’ DI TE 
Un chitarrista giovane che ho come punto di riferimento è Danny Bronzini. Suona insieme a Willie Peyote, che è un altro artista che stimo molto, e si occupa di suonare sia in tour sia delle registrazioni in studio. Aspiro a poter lavorare nella musica soprattutto in questi ambiti e vedo in lui un ottimo esempio da seguire. Dal punto di vista dei miei progetti musicali voglio continuare a pubblicare con Sheffer e a fare concerti insieme a lui il prima possibile. Oltre a questo abbiamo da poco iniziato un’attività di produzione musicale in studio con alcuni ragazzi e scrivere per altre persone lo trovo incredibilmente stimolante e formativo.

LA DOMANDA CHE NON TI ABBIAMO FATTO, MA ALLA QUALE AVRESTI VOLUTO RISPONDERE?
Avevo letto qualche tempo fa un’intervista a uno studente del CPM qui sul sito nella quale gli era stato chiesto quali fossero i tre concerti più belli ai quali avesse assistito fino a quel momento. Ad oggi, la mia risposta sarebbe: Big Four (Metallica, Megadeth, Slayer, Anthrax) 6 luglio 2011, nonché primo concerto a cui sia stato; Caparezza live al Mediolanum Forum di Assago sul Museica Tour II il 31 marzo 2015; e Ministri live all’Alcatraz sul tour di Fidatevi il 9 aprile 2018.

Cosa ho studiato

Ho studiato con

Ruota il dispositivo per poter visualizzare il contenuto