Tommaso Ferrarese

Ruolo:

Responsabile dipartimento

In CPM dal:

2009

STUDI
Durante le scuole medie intraprende lo studio del violino presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano dove affronterà anche studi di pianoforte, canto corale, teoria e solfeggio e composizione. Successivamente frequenta i Civici Corsi di Jazz, studiando canto, chitarra, pianoforte, basso e tromba, e inserendosi come corista, solista, bassista ed arrangiatore nel coro gospel diretto da Francesca Oliveri. Negli anni seguenti prosegue gli studi di perfezionamento vocale con Luigina Bertuzzi e Carl Anderson e di chitarra con Roberto Cecchetto.

ATTIVITA’ ARTISTICA E PROFESSIONALE
Inizia presto l'attività musicale nel coro del Conservatorio Giuseppe Verdi con il quale si esibisce in numerose occasioni. Successivamente è chitarrista e cantante in diversi progetti musicali nonché compositore e musicista di scena in numerosi spettacoli teatrali. Dal 2000 al 2006 è corista e solista nei No One Else con i quali porta un repertorio di gospel contemporaneo in Europa, e nei Sails, in quintetto vocale, dividendo palchi come Blue Note con le Voci Atroci o il Varese Gospel Festival con Take6 e Mpact. 
Per dieci anni è nei TekaP come chitarrista e direttore musicale, sino al 2009. 
Nel 2008 è in tour con CeCe Rogers come direttore musicale e del coro, nonché chitarrista e bassista, per StandUp a Gospel Revolution, nelle principali città italiane. 
Dal 2010 collabora con l'etichetta BlackAce, come pianista e chitarrista, suonando su alcuni dei più importanti palchi d'Europa come Montreux o Gampel.

DIDATTICA
In CPM è Responsabile di Dipartimento di Canto e insegna:

  • Contemporary Vocal Styles
  • Vocal Technique
  • Coro

Tommaso Ferrarese ha fatto notizia

Il CPM per le donne afghane

Domani, giovedì 2 dicembre alle ore 19, il CPM sarà al Conservatorio Santa Cecilia di Roma per l’evento “UNIted. A voice for afghan women and girls”.
Organizzato da UNETCHAC – Universities Network for Children in Armed Conflict, in collaborazione con l'Istituto di Studi Politici "S.Pio V" e il Conservatorio Statale di Musica “Santa Cecilia” di Roma, promosso con il supporto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, il concerto vuole essere occasione di sensibilizzazione e riflessione sul dramma che attualmente affligge l’Afghanistan e, in particolare, le donne e le ragazze afghane costrette a lasciare il loro Paese.

Per il CPM ci sarà Paola "Dalai" Micieli, diplomata in Canto Pop Rock, che proporrà i due brani “Lift you up” e “Silence is loud”, con il quale ha vinto il bando di concorso indetto da CPM e UNETCHAC (valutata da una Commissione composta da CPM, Universities Network, MAECI e GCPEA) per la
IV conferenza internazionale sulle scuole sicure, tenutasi in Nigeria a fine ottobre
Con lei ci sarà una band formata da i nostri docenti e Responsabili del Dipartimento di Canto e di Batteria Tommaso Ferrarese e Roberto Gualdi, alla batteria, i diplomati e allievi Michele Boni al bouzouki, Vittorio Romano al basso, Antonio Cirigliano alla chitarra, Chiara De Rosa, Giulia Lazzerini, Mattia Algieri e Raffaella Zago ai cori. 

Durante la serata diversi artisti si alterneranno sul palco del Conservatorio per infondere attraverso la musica speranza nell’unanime difesa dei diritti umani, la loro voce sarà un appello corale per la pace.
Oltre la band del CPM Music Institute, si esibiranno infatti: Ambrogio Sparagna, Eugenio Bennato, Pietra Montecorvino, Grazia Di Michele, The Shalalalas e il Dipartimento Jazz del Conservatorio “Santa Cecilia”.  Insieme a loro, Sergio Iovino, Direttore artistico di UNETCHAC, presenterà il brano inedito “Far away yet close/Lontani eppure vicini”, ideato e composto da Iovino ed eseguito insieme all’artista afghano Sirat Aziz Ullah e al musicista Claudio Cappelli. Le performance degli artisti saranno alternate dalle letture degli attori Monica Guerritore ed Edoardo Coen.

Ospiti della serata anche gli studenti afghani che hanno seguito l’International Autumn School 2021, primo corso di formazione e approfondimento dedicato alla protezione dei bambini in conflitto armato, promossa dall’Universities Network for Children in Armed Conflict e dall’Istituto di Studi Politici San Pio V con il supporto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Tommaso Ferrarese

Canto

Responsabile dipartimento

Cosa insegno

Ruota il dispositivo per poter visualizzare il contenuto